X

al fianco della Tua impresa

Alternanza scuola lavoro

Da un’opportunità a una progettazione formativa condivisa

Con la riforma de “la Buona Scuola” (legge 107 del 2015) si e resa obbligatoria per tutti gli studenti dell’ultimo triennio delle scuole superiori l’Alternanza Scuola Lavoro (ASL), ovvero un innovativo strumento didattico di apprendimento che coinvolge, oltre agli allievi: tutor interni (docenti) e tutor esterni (referenti dei soggetti ospitanti/aziende).

Questa nuovo format unisce alla didattica tradizionale, basata su conoscenze teoriche, periodi di esperienza pratica articolate in 400 ore negli istituti tecnici e professionali e 200 ore nei licei.

Per le Scuole Professionali (CFP), ovvero quelle che riconoscono le qualifiche ed i diplomi previsti dalla normativa regionale veneta (molti dei quali in stretta attinenza con i tipici mestieri artigiani), l’ASL si realizza tramite la coprogettazione con l’Istituto scolastico di moduli di stage (gratuiti) in azienda con quantità di ore “scolastiche” che di fatto si svolgono sul posto di lavoro, in un numero per ogni anno scolastico ancora più consistente di quanta avviene negli istituti tecnici e nei licei.

L’obiettivo e per ogni percorso scelto dagli studenti di coniugare le conoscenze alle competenze ed abilita pratiche da testare in contesti lavorativi.

Lo studente in alternanza non è mai un lavoratore (non è previsto quindi alcuna remunerazione la polizza Inail in carico alla scuola), ma apprende in realtà produttive competenze coerenti con ii proprio percorso di studi, anche fuori dall’aula.

L’ASL e un’esperienza progettata di concerto tra la scuola e i soggetti ospitanti (aziende) finalizzata ad offrire agli studenti la possibilità di tradurre in esperienze quanta appreso sui banchi e alle imprese di “conoscere e farsi conoscere” dal più ampio numero di studenti e loro famiglie del territorio.

Fondamentale per le imprese interessate ad ospitare giovani e ii valutare preliminarmente ogni aspetto legato al pieno rispetto della normativa sicurezza (D.lgs.81 /08) e ove lo studente fosse un minore anche quello della normativa di riferimento a loro tutela.

Vuoi scoprire come fare?

Scarica questa scheda!

Scarica PDF

Registro MePA

L’iscrizione è d’obbligo per poter lavorare con le pubbliche amministrazioni

Le Pubbliche Amministrazioni, per gli acquisti al sotto della soglia di rilievo comunitario, sono tenute a fare ricorso al Mercato elettronico per l’acquisto di beni e servizi (MePA). Confartigianato collabora attivamente con Consip, ente gestore del MePA, per promuovere ii coinvolgimento delle piccole e medie imprese, che sono fondamentali nel tessuto produttivo del Paese.

Questa collaborazione si concretizza nella creazione di una rete di punti di assistenza all’interno delle sedi territoriali di Confartigianato, allo scopo di diffondere la conoscenza del Programma e l’utilizzo degli strumenti di e-procurement sviluppati.

I vantaggi per le imprese nell’utilizzo del MePA

  • Utilizzo gratuito della piattaforma;
  • Utilizzo gratuito del servizio di fatturazione elettronica: le PMI abilitate al MEPA possono usufruire del servizio di fatturazione elettronica (e conservazione sostitutiva), anche per transazioni non effettuate nel MEPA;
  • Ampliamento del mercato potenziale nell’ambito della PA, della visibilità della propria offerta e rafforzamento della presenza livello territoriale;
  • Diminuzione di tempi e costi di vendita derivante dalla riduzione dei costi di intermediazione e di gestione del processo di vendita;
  • Garanzia di maggior trasparenza nelle procedure di gara grazie anche ad una autoregolamentazione spontanea dell’offerta in cui “tutti vedono e si confrontano con tutti”;
  • Aggiornamento della propria offerta: e sempre possibile modificare ii proprio catalogo, aggiungere o togliere offerte, modificare prezzi e condizioni, ecc.

Lo sportello di assistenza di Confartigianato Polesine offre supporto alle imprese nelle attività relativa al MePA:

  • Nelle fasi di abilitazione, compilazione e aggiornamento dei cataloghi;
  • Nella fase di pre-verifica formale del catalogo;
  • Nelle attività relative alla modifica e aggiornamento dei dati e rinnovo delle dichiarazioni sostitutive di certificazioni;
  • Negli adempimenti per la pubblicazione del Catalogo dei Beni/Servizi/Lavori di manutenzione offerti.

Vuoi scoprire come fare?

Scarica questa scheda!

Scarica PDF